Riciclo e smaltimento

Blog-Image-004

Il riciclo e lo smaltimento dei rifiuti edili è un tema molto attuale.

I rifiuti edili infatti sono classificati come rifiuti speciali e di conseguenza il loro smaltimento va effettuato secondo la normativa vigente.

La legge infatti stabilisce che il soggetto che deve occuparsi dello smaltimento dei rifiuti edili sia il produttore di rifiuti, quindi l’impresa o il singolo che esegue i lavori.

Il riciclo e lo smaltimento dei rifiuti edili comprende sia gli scarti delle lavorazioni di materiali, degli involucri o delle loro confezioni, ma anche i residui delle demolizioni, degli scavi inquinati da sostanze pericolose e dell’acqua di risulta dalle lavorazioni.

Da uno studio condotto in Italia, si sa che il 40% dei rifiuti speciali viene proprio del settore edile. Dentro a questa elevata percentuale sono stati inseriti anche quelle pericolosi, come gli scarti contenenti amianto.

La situazione è, al momento, molto grave e l’Unione Europea ha dato all’Italia un obiettivo da raggiungere entro il 2020 e cioè quello di portare il riciclo dei rifiuti edili ad una percentuale pari al 70%.

Prendendo in considerazione la normativa europea e cioè il Testo Unico Ambientale, la gestione dei rifiuti edili, che include le operazioni di riciclo e smaltimento, può avvenire seguendo diverse opzioni, che differiscono per il livello di sostenibilità. Viene quindi stabilita una gerarchia di priorità che va dalla più sostenibile, come quella del riuso o del riciclo dei materiali di risulta, alla meno sostenibile, come lo smaltimento dei rifiuti in discarica.

Dunque le scelte da preferire sono:

  • la riduzione,
  • il riuso,
  • il riciclo,
  • il recupero dei rifiuti,
  • lo smaltimento in discarica

In Italia, purtroppo, la pratica dello smaltimento in discarica è ancora molto diffusa e il problema risulta essere la disomogeneità dei rifiuti.

Quindi la cosa principale che andrebbe fatta è quella di una demolizione selettiva. Un aiuto per eseguire al meglio quest’attività viene dato dalla commissione Edilizia dell’UNI che mette a disposizione una guida.